Come si scrive un film

Oggi vorrei condividere con voi, secondo la mia personale esperienza, come si scrive un film, da cosa si parte, dall'idea alla struttura.

Innanzitutto dobbiamo sapere cosa scrivere, ovvero se è un film biografico, che narra la vita e la storia di un personaggio realmente esistito oppure una storia fantastica, che non vuol dire bellissima ma che sia frutto della vostra fantasia.


Un film o una storia deve avere di base un valore. Dovete raccontare con le parole del racconto che andrete a scrivere, un "valore". Quest'ultimo sarà il live motive di tutta la storia. Per esempio se nella vostra storia raccontate di due amici inseparabili, il valore che forse vorreste trasmettere al pubblico sarà appunto l'amicizia, la fedeltà oppure un altro valore, quello dipende da voi, la cosa importante è che per tutto il racconto e in particolare alla fine, questo insegnamento o appunto " valore", emerga.

Spesso abbiamo in mente una trama ma non sappiamo classificarlo. Tutti i film ne hanno uno e anche il vostro ne dovrà avere uno, quindi provate a pensarci. Qui sotto vi metto una tabella , provate a sceglierne qualcuno e vedete se fa al caso vostro o se qualche parola vi ispira piu delle altre.



Ok avete trovato il Valore per la vostra storia. Facciamo finta, riprendendo l'esempio di prima, decidete di scrivere una storia di due amici inseparabili, potreste scegliere la "fedeltà", oppure " l'altruismo". Vi premetto che per rendere la storia interessante, ad un certo punto della storia, questo valore dovrá essere messo in discussione per tornare poi al punto di partenza.


Nella scrittura cinematografica si chiama "conflitto", trovate quindi un valore contrario ed inseritelo nella vostra storia. Il contrario della "fedeltà" potrebbe essere il "tradimento". Potreste raccontare della bella storia tra i due amici ma ad un certo punto avverrà qualcosa che spezzerà questa amicizia. Nel linguaggio cinematografico si chiama evento scatenante. Questo evento metterà a dura prova questa amicizia e da li potreste raccontare un evento che porterà inevitabilmente alla rottura.

Ci sono delle regole per poter scrivere un buon film, ognuno usa un suo personale metodo io preferisco schematizzare la storia con un grafico, potete disegnarlo anche a mano come faccio io. Vi servirà per tenere la time line della storia sotto controllo, per non diventare prolissi e uscire fuori tema.


Io uso uno schema che amo definire lo "schema del volo".

Qui di seguito ve ne mostrerò uno disegnato da me su un quaderno.

Lo schema del volo funziona proprio come il volo di un aereplano. Immaginate quindi un vero aereo che sta per decollare, poi prende quota ed in fine attiverà le manovre per un atterraggio perfetto.


La vostra storia dovrà seguire quindi la traiettoria di questo aereo.

Ci sarà quindi un inizio, uno svolgimento e una fine.

Ovvero una partenza con decollo, il volo e la fase di atterraggio. Nella prima parte quella del decollo dovrete far capire al pubblico di cosa parlerà il vostro film o la vostra storia. Generalmente si parla al futuro in questa fase.

Si creano delle aspettative che il pubblico dovrà percepire per poi seguire la storia senza problemi.

Perché al futuro?

Si parla al futuro come un trailer di un film che pubblicizza quello che lo spettatore potrà vedere al cinema. In questa fase, parlando al futuro direte al vostro pubblico quello che accadrà in questa storia.

Si inizia con la presentazione dei personaggi, passaggio fondamentale per vari motivi.

Sarà difficile che il pubblico si appassioni alla storia se non conosce i valori appunto dei protagonisti e le loro vite, le loro paure ecc.


Prima di andare avanti vorrei aprire una parentesi sulla caratterizzazione dei personaggi. Più i personaggi sono caratterizzati più la storia avrà un senso logico. Ricordatevi che un film è la rappresentazione della realtà quindi fate bene attenzione alla presentazione dei personaggi che andrete ad inserire nella vostra storia.


La carta di identità del personaggio


Per carta di identità intendo un vero profilo del personaggio. Età, sesso, peso, nazionalità e aggiungete molti dettagli che potranno caratterizzarlo, in futuro vi serviranno per dare più corpo alla storia. Queste informazioni scrivetele su di un foglio, proprio come se fosse una vera carta di identità. Non va aggiunto alla storia, sarebbe prolisso ma da come il vostro personaggio parlerà e si muoverà si capiranno tutte le sue caratteristiche.

Quindi fate questo per ogni singolo personaggio della storia.

Tornando all' esempio della storia dei due amici potreste scrivere che Mario è alto 1.90 ha paura dell'acqua ed è milanese e tutto quello che vi fa piacere aggiungere. Stessa cosa con l'altro amico. Vedrete poi che durante la scrittura, saranno proprio queste caratteristiche che delineranno la storia proprio perché riuscirete cosi a strutturare bene il racconto, intrecciando vicende basate su i loro pregi, difetti o quant'altro.


Ritoniamo al volo

La seconda fase sarà quella dello svolgimento del vostro racconto, il cuore della storia.

Immaginate il volo dell' aereo in aria. Partirà da un punto A per arrivare al punto B. Nel frattempo, durante il volo, l'aereo subirà dei vuoti d'aria, delle turbolenze. Insomma il viaggio come tutti i viaggi non è mai tranquillo.

Nel cinema questo si chiama "effetto scatenante".

Durante lo svolgimento dovreste far accadere delle cose ai vostri personaggi che destabilizzeranno i personaggi stessi o le loro storie inserendo minimo 3 effetti scatenanti. Il primo dovrà essere di lieve importanza mentre il secondo devastante. Tenete sempre in mente le carte di identità dei personaggi, sarà proprio qui che potreste usarle divertendovi a far entrare in confusione i vostri personaggi.


Fase di atterraggio

Una volta che l'aereo avrà effettuato il suo viaggio sarà arrivato a destinazione, allo stesso modo la vostra storia sarà quasi al termine.

In questa fase a differenza della prima, si parlerà al passato. Fate ricordare al pubblico cosa avete promesso all'inizio, ricordando tutto quello che avete raccontato fino a questo punto. Una sorta di riassunto. Mentre nella prima fase la promessa era: in questa storia vedrete questo..in questa fase dovreste dire al pubblico: avete visto questo e quello..

A questo punto ci sarà un altro evento scatenante ovvero la risoluzione della storia. Mentre i 3 effetti scatenanti avranno creato uno o piu conflitti con quest' ultimo effetto scatenante ovvero la risoluzione, andrete a rimettere tutte le carte al loro posto. Da qui la fase di atterraggio, e quindi la conclusione della storia.


Spero di essere stato esaustivo con queste poche righe. Ricordatevi che questo non è l'unico metodo per poter scrivere una buona storia ma per quanto mi riguarda, il più efficace. Provate a scrivere utilizzando questo metodo e magari divertitevi a stravolgere effetti scatenanti e altro.

Se volete potete lasciarmi un commento o inviarmi una mail se avete delle domande da farmi.

Nel prossimo articolo illustrerò altre tecniche per poter realizzare un film.

Buona scrittura a tutti.

Dado





46 visualizzazioni

© Copyright 2020 Dado Martino